• Una suite per la Rivoluzione 8 gennaio 1959, La Havana, Cuba “Scusa Fidel, dove andiamo a dormire stanotte?” domandò Camilo Cienfiegos. “Mmmm…chiama l’Hilton e vedi se hanno camere libere”, rispose il comandante. Centinaia di “compagni combattenti” stavano per entrare trionfalmente all’Avana e dopo mesi vita rivoluzionaria, fatta di ripari precari sulle montagne della Sierra Maestra, si presentava il banale problema di dove alloggiare le truppe in […] Pietro Lamprati No responses 14/04/2015
  • Pensieri sparsi su TRF E mi ritrovo qui in un ennesimo lungo trasferimento attraverso l’isola a chiedermi dove sia finita la rivoluzione cubana e che cosa arriverà dopo. Me lo chiedo su questo bus cinese nuovo di pacca che sfreccia di fronte alle fermate piene di cubani in attesa di un trasporto fatiscente e sovraffollato. Me lo chiedo guardando […] Pietro Lamprati No responses 24/05/2011
  • Con Fidel nel sussidiario Ho fatto un giro in una scuola elementare di un paesino vicino a Camaguey. Pulita ed ordinata, mi ha dato l’impressione di essere ben organizzata, priva di grandi strumenti ma dotata di aule spaziose ed una bella mensa, il tutto circondato da un piccolo giardino. La scuola cubana è famosa in tutto il mondo per […] Pietro Lamprati 2 responses 21/05/2011
  • Notturno Avana L’Avana, oggi. Sulle onde dell’oceano che sferzano le massicce mura del Malecón, tra luci al neon intermittenti e rumori di vecchie automo – bili americane, si riflettono l’anima e il fascino della capitale cubana. Imponenti alberghi, sfarzosi o in rovina, ricordano la grandezza dell’impero eretto dalla mafia dopo la Seconda guerra mondiale, quando, con in […] Pietro Lamprati No responses 05/05/2011
  • Perchè “Notturno cubano” Una nuova partenza è, in fondo, una nuova sfida. Amo questo momento: è puro viaggio senza le paure di una partenza vera. Ci si può immergere a capofitto nello studio di un altro posto, di un’altra storia, di un altro pezzo di mondo. Nemmeno fossi io il “nostro uomo all’Avana”, studio il mio obiettivo accumulando […] Pietro Lamprati One response 02/05/2011