Storia dell'America latina contemporaneaQuesto l’ho trovato oggi, prima di partire mi faccio anche questo mattonazzo, giuro!

Per America Latina si intende un concetto storico, non geografico. È quell’area del continente americano dove dal XVI secolo s’è impiantata la civiltà iberica. La gran parte di cubani e cileni, di argentini ed ecuadoregni, parla la stessa lingua e prega lo stesso Dio, ma vive ambienti totalmente difformi. Questo volume propone la storia dei diversi paesi dell’America Latina – dall’Argentina al Messico, dal Brasile a Cuba, passando per le Ande, l’Istmo centroamericano e le altre regioni – mediante l’analisi di diverse tematiche, dall’economia alla cultura, dalla politica alla religione e agli affari esteri, senza privilegiare né escludere nessun caso e abbracciando l’intera epoca compresa fra le Indipendenze di inizio Ottocento e oggi. La chiave di lettura offerta da Loris Zanatta trae spunto in forma specifica dall’intreccio di storia politica, storia religiosa e storia delle ideologie. Quell’intreccio sembra essere infatti la via più efficace per accedere alla storia latinoamencana della quale va cercato il filo comune, badando a ciò che l’unisce e a quel che la divide, a quel che ne fa una storia e non tante e diverse storie che nulla tiene insieme. Dall’organicismo coloniale al moderno populismo, dai fallimenti del liberalismo ottocentesco ai limiti di quello contemporaneo, dal caudillismo all’autoritarismo, il volume ricostruisce la storia dell’America Latina come terra di grandi trasformazioni che mostrano i numerosi tratti affini alla storia dell’Europa latina.

da IBS