Una storia ispirata alla vita di una delle figure più straordinarie nella cultura popolare brasiliana, João Francisco dos Santos (1900-1976). Travestito, bandito, ragazzo di strada, cuoco in un bordello, carcerato e padre di sette figli adottivi, Dos Santos, meglio conosciuto come Madame Sata, fu anche un famoso omosessuale che combattè contro l’omofobia e i condizionamenti sociali in tempi assai difficili e pericolosi. La storia inizia nel 1932 a Rio de Janeiro nel distretto bohemien di Lapa, cuore della Rio de Janeiro bohémien, meglio conosciuta come la Montmartre dei Tropici, quando Joao Francisco sta quasi per realizzare il suo sogno: diventare un attore famoso. Nel sordido e vivace mondo di Lapa, popolato da ruffiani, prostitute e altre figure della malavita di Rio, Joao lotta nelle strade e controlla una specie di famiglia che comprende la bella prostituta Laurita e la sua giovane figlia per la quale tutti stravedono; il vistoso prostituto Taboo; Renatinho, il giovane amante di Joao; e Amador, il proprietario del club Danubio Blu che è la sua seconda casa. E’ proprio in questo locale che inizia la carriera di Joao come drag queen Madam Sata. Un film caldo e sensuale ma anche un toccante e coloratissimo melodramma presentato nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes 2002.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *